TRDC S.n.c.
Via Aldo Moro, 12
20088 Rosate (MI)
328 97 20 145
www.trdc-cucce.com
Contattaci al 3289720145
Scrivici a info@trdc-cucce.com
Vieni a trovarci in Via Aldo Moro, 12 a Rosate

TRDC
Build Your Dream

Funzionalitą e Risparmio

Blog

Cuccia da esterno, quale il materiale migliore?

Pubblicato il 21 dicembre 2017 alle 09.10


La scelta della cuccia da esterno per il proprio cane è una questione importante, assolutamente da non sottovalutare: ma quali sono le tipologie di cucce da esterno disponibili? Quali sono i criteri di scelta? In definitiva, qual è la migliore?

Sul web si possono trovare un numero illimitato di guide e consigli per la scelta della migliore cuccia da esterno per il proprio cane: le caratteristiche che vengono maggiormente indagate sono le dimensioni ed il materiale. Ed è proprio il materiale l’oggetto di questo articolo.

Dopo molte ricerche è emerso che i materiali più diffusi per la costruzione di una cuccia da esterno sono il legno e la plastica. E i pannelli in coibentato? Perché non vengono mai menzionati tra le alternative tra cui poter scegliere? La risposta non è chiara, ma sono sicuramente chiari i vantaggi e la superiorità che i pannelli in coibentato offrono rispetto al legno e alla plastica.

Iniziamo da quest’ultima: la plastica. Sicuramente un materiale economico, semplice da sanificare ma assolutamente non quello più adatto ad ambienti esterni: non è resistente alle intemperie, quindi deteriorabile, ma, cosa più importante, non è un materiale isolante. Molto sensibile agli sbalzi di temperatura, la cuccia da esterno in plastica non assicura un riparo confortevole per il cane. Calda d’estate e fredda d’inverno, questo tipo di cuccia da esterno è da evitare.


Passiamo al legno. Leggendo le descrizioni delle cucce da esterno in legno che si trovano in rete, potrebbe sembrare la soluzione migliore. Ma siamo sicuri che sia proprio così? Innanzitutto, per quanto il legno utilizzato venga trattato per resistere ad acqua e freddo, questo trattamento non ha validità infinita: dopo un anno andrebbe ripetuto, con prodotti chimici, dannosi per il cane. Inoltre, col passare del tempo, un materiale del genere si impregna (tanto con l’acqua quanto con lo sporco) e di conseguenza inizia a marcire. Consideriamo anche che a contatto con le zampe si scalfisce, che ha un alto livello di appetibilità per il cane e che la sanificazione non è per niente funzionale ed è perfettamente chiaro che il legno non è il materiale migliore per una cuccia da esterno.


Infine, i pannelli in coibentato. Perché sono la scelta migliore? Innanzitutto, è il materiale che assicura un livello di coibentazione massimo, a differenza di quello inesistente della plastica e quello molto scarso del legno. Questi pannelli non reagiscono in alcun modo alle intemperie e al freddo: anche dopo un anno, rimangono esattamente come il primo giorno. Il cane non può influire in alcun modo sul deterioramento della cuccia: non si scalfisce con le unghie e non gli risulta assolutamente appetibile. Per di più le cucce da esterno realizzate con pannelli coibentati sono completamente lavabili e quindi anche il problema della sanificazione non esiste. Bisogna aggiungere altro?

Per approfondire le caratteristiche dei pannelli coibentati, clicca qui.



Categorie: Approfondimenti

Pubblica un commento

Attenzione.

Oops, you forgot something.

Attenzione.

Le parole inserite non corrispondono al testo fornito. Riprova.

0 commenti